Il caso delle ‘nuove’ statue parlanti: il patrimonio monumentale e i movimenti studenteschi del 2010

di Daniele Salerno

Da sempre i movimenti di protesta, specie quelli di studenti e giovani generazioni, hanno coinvolto, investito e a volte sconvolto i paesaggi della memoria collettiva (quelli che vengono chiamati memoryscapes). La volontà di riscrivere la memoria collettiva passava, nei movimenti di protesta del passato, per azioni fisiche compiute su spazi pubblici considerati luoghi di memoria (o nuovi luoghi di memoria, come nel caso di Piazza Alimonda a Genova): su lapidi, su targhe di vie e piazze e su monumenti venivano apposte scritte e apportate “correzioni”. E alcuni venivano anche fisicamente distrutti.

Dunque tradizionalmente le narrazioni sui movimenti ci hanno restituito sempre una opposizione che sembrava ormai acquisita: i giovani rifiutano  il passato (o le versioni che ne danno i padri e le madri) e i valori della tradizione e quindi attaccano i luoghi in cui questi si sedimentano fisicamente, a partire dai toponimi e dal patrimonio artistico e monumentale; le autorità e lo Stato difendono i valori della tradizione e quindi ne tutelano i luoghi più rappresentativi, come i monumenti (per una ricca analisi del fenomeno si veda il lavoro di John Foot Fratture d’Italia).

Le proteste del 2010 hanno segnato un inedito capovolgimento di fronte nella distribuzione dei ruoli e della relazione tra movimenti di protesta, autorità e patrimonio artistico e monumentale. Penso a due pratiche: l’occupazione fisica dei monumenti e la cosiddetta protesta delle statue.


L'anfiteatro romano di Lecce occupato dagli studenti medi e universitari

L’occupazione dei simboli del passato non è passata nell’opinione pubblica come una usurpazione o un attacco alla tradizione, bensì quasi come una simbolica presa in tutela dei monumenti da parte del movimento. Dopo i crolli della casa dei Gladiatori e della casa del Moralista a Pompei, il Governo appare incapace di tutelare i luoghi simboli della tradizione e del passato e in questa ennesima incapacità dell’autorità statale il movimento si è inserito, dal punto di vista narrativo, efficacemente.

Mi soffermo un po’ di più sulla protesta delle statue perché è stata quella forse più circoscritta territorialmente e che ha avuto meno copertura mediatica. Nei giorni che hanno preceduto il 14 dicembre il collettivo Bartleby ha apposto su diverse statue di Bologna alcuni cartelli: le statue prendevano posizione sulla protesta e si schieravano dalla parte di studenti e manifestanti.

Il partigiano di Porta Lame annunciava “resisteremo un minuto più di voi”; Garibaldi minacciava “Questa volta non ci fermeremo a Teano” e così via. Contestualmente sul web veniva diffuso un comunicato:  “stanotte abbiamo rotto il nostro silenzio e siamo tornate a parlare. Perchè noi, custodi del passato di questa città, non vediamo alcun futuro tra queste macerie. E prima di fare la fine di Pompei abbiamo deciso di lanciare un messaggio alla città: Bologna, sveglia!”. Le statue, con il carico simbolico e la storia del personaggio rappresentato, entravano sulla scena della protesta.
Alcuni giorni dopo un gruppo di ragazzi, non legato ad alcun collettivo, ha replicato l’iniziativa facendo nuovamente “parlare” le statue della città (come potete vedere sulla galleria de La Repubblica).

La statua di Garibaldi in Via Indipendenza a Bologna

Il collettivo Bartleby si è in realtà riappropriato della tradizione romana delle statue parlanti. La critica al potere dei papi passava attraverso delle lettere lasciate ai piedi di alcune statue di Roma. Queste lettere venivano chiamate “pasquinate”, dalla più famosa di queste statue, quella appunto di Pasquino.

La statua di Pasquino a Roma

L’efficace azione organizzata dal Bartleby ha nuovamente fatto emergere il paradosso della protesta in corso e che crediamo dominerà ancora il 2011: il movimento si sta sempre di più costruendo come difensore di diritti fondamentali e sta risemantizzando gli spazi e i simboli che un tempo avremmo definito tradizionali e quindi territorio dell’autorità.

About these ads

2 commenti to “Il caso delle ‘nuove’ statue parlanti: il patrimonio monumentale e i movimenti studenteschi del 2010”

  1. Come segnalato dal Bartleby, qualche giorno dopo alcuni ragazzi (non legati ad alcun collettivo) hanno ripreso l’iniziativa e fatto nuovamente “parlare” le statue della città (come si può vedere sulla galleria di Repubblica: http://bologna.repubblica.it/cronaca/2010/12/20/foto/il_ritorno_delle_statue_parlanti-10420737/1/).

  2. Sul caso delle statue parlanti segnaliamo l’interessante intervento dei WuMing che – parlando della pratica di protesta creativa dei “Book Bloc”, nata a Roma e arrivata sino alle proteste di Londra (“i libri non sono più sulle barricate: sono le barricate”, ha commentato lo scrittore Jay Griffiths) – notano come qualcosa sia cambiato dalle “statue parlanti” che nel 2001 annunciavano a Bologna il G8 di Genova invitando a partecipare alla manifestazione: questa volta i cartelli sulle stuatue non si limitano ad enunciare la protesta, ma esprimono un proposito, un “piano d’azione” che “va oltre la scadenza” della manifestazione: “Resisteremo un minuto più di voi” è stato infatti lo slogan più utilizzato.
    Qui il testo dell’intervento: http://www.wumingfoundation.com/giap/?p=2219

    Per una “archeologia” del fenomeno, invece: http://www.wumingfoundation.com/italiano/Giap/mitopoiesi.html#nigro

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: