immagini inquietanti, un mostra alla Triennale di Milano

di Francesco Mazzucchelli

Una delle foto della mostra: Juárez, 2010 (di Julio César Aguilar Fuentes)

La Triennale di Milano ospita, sino al 9 gennaio, una mostra fotografica dal titolo immagini inquietanti/disquieting images dedicata a fotografie di eventi “estremi” ed esperienze inquietanti tanto reali quanto diverse, come guerre, omicidi, violenze su donne, abusi su animali, ossessioni morbose, catastrofi ecologiche. L’obiettivo della mostra è un’interrogazione sul concetto stesso di “inquietante”:

Disquieting, inquietante – leggiamo nel testo della presentazione – è un termine duttile, difficilmente circoscrivibile. Può descrivere un evento o un oggetto, o può farsi esperienza stessa dell’oggetto o dell’evento. Può essere una risposta profondamente individuale oppure evocata dagli altri: è l’opera o la circostanza a essere inquietante, oppure è la risposta data dagli altri a darne questa chiave di lettura? L’inquietudine è una reazione primaria e, al contempo, è alimentata da un sospetto condiviso e dal disagio.

Questa collezione di immagini ci pone però anche di fronte ad un’altra domanda: come è considerata “legittimamente rappresentabile” (e come deve essere rappresentata) l’esperienza inquietante? Il testo di presentazione della mostra parla infatti di una “sfida” riguardante l’interpretazione di queste immagini, che agisce sul confine tra “ciò che viene espresso o lasciato inespresso”. Esiste dunque, ci chiediamo, una frontiera (culturalmente determinata) dell’indicibile o del non figurabile? Di ciò che è lecito dire o rappresentare?

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: